Cerca cerca
 
 

Directory completa cerca

 
Salva la scheda nella tua brochure   Versione Stampabile   Invia la scheda ad un amico
Il Forte Venini di Oga
   

Dopo anni di abbandono e di incuria, sebbene meta di frequenti visite da parte di turisti, al Forte di Oga è stata riservata una sorte migliore valorizzando il complesso solo in minima parte danneggiato dalle passate manomissioni. Recenti opere di ripristino, tinteggiatura dei locali e delle torrette hanno reso più accoglienti gli ambienti per la loro visita.

Il Forte militare di Oga fu eretto a difesa dei principali valichi alpini dell'Alta Valtellina tra il 1908 e il 1912. La struttura, oggi parzialmente nascosta dall’avanzare del bosco, fu collocata in posizione panoramica, in località Dossaccio (1740 m).
La struttura, molto solida, fu costruita seguendo alla lettera i migliori studi d'architettura militare di inizio secolo, a cominciare da quelli del generale francese Brialmont. Furono impiegati grossi blocchi di pietra, ricoperti da uno spessissimo strato di cemento ed enormi quantità di ghiaia e sabbia estratte dalla vicina Val Cadolena.
Proprio per portare in quota tutto questo materiale venne costruita l'attuale strada che conduce ad Oga, in sostituzione della precedente mulattiera dai tratti ripidissimi.

Sulla copertura quattro cupole corazzate in acciaio proteggevano i cannoni che, con una gittata massima di 12.800 m, potevano colpire obiettivi sullo Stelvio, al Passo del Foscagno, alle Bocchette di Pedenolo, alle Torri di Fraele, in Valfurva e raggiungere la valle di Trafoi, allora posta in territorio austriaco.
La particolare orientazione Est-Ovest dell’edificio fu progettata proprio perchè i cannoni potessero ruotare e difendere tutti i passi e i valichi potenzialmente soggetti al pericolo nemico.

Lungo il suo perimetro, all’interno e all’esterno delle mura di cinta, vennero collocati pericolosi reticolati e spuntoni disposti a ragno per impedire eventuali assalti.
L’accesso al cortile avveniva mediante un ponte a scorrimento che, una volta retratto, lasciava spazio ad un fossato con spuntoni acuminati posti sul fondo. Lunghi binari servivano per il trasporto delle munizioni, prelevate dai magazzini e portate alle sale di caricamento dove si confezionavano i proietti.

Le artiglierie del Forte, durante la Prima Guerra Mondiale, furono supportate da quelle dislocate sul vicino Monte Scale (2500 m) e sul Monte Forcellino.
Finita la guerra, essendo prossima al confine, la struttura fu affidato alla Guardia di Frontiera che dal 1935 alloggiò alla Casermetta, edificio ricavato da una baita in pietra collocata poco prima dell'ingresso.

Il Forte fu presidiato da militari sino al 1938, anno in cui la struttura venne intitolata al valtellinese capitano Venini, medaglia d’oro al valor militare.
Nel periodo della Repubblica di Salò fu occupato da fascisti e tedeschi che più volte vi prelevarono armi. I partigiani vi fecero irruzione nella primavera del 1945.
Al termine del conflitto il Forte fu abbandonato dalle truppe ma rimase custodito sino al 1958, quando l’esercito decise di lasciarlo definitivamente ritenendone esaurita la funzione.
Ebbe così inizio il suo degrado, accelerato dai continui saccheggi.



Altitudine: 1730 s.l.m.

Epoca di costruzione: Dopo 1900
Epoca ultimo intervento: Dopo 1960
Grado di accesibilita: Facile
Stato di conservazione: Discreto
Valore tipologico: Monumentale

Aperto: Vedi scheda orario 2014
Il Forte Venini di Oga
  23030 - Valdisotto - (SO)

Aggiungi ai contatti di Outlook ®



  Schede correlate:  
Forte di Oga - orari 2014
Il Paluaccio di Oga

 
 
top   top